Come è visto l’italiano a Tenerife

', enableHover: false, enableTracking: true, buttons: { twitter: {via: ''}}, click: function(api, options){ api.simulateClick(); api.openPopup('twitter'); } }); $('#facebook').sharrre({ share: { facebook: true }, template: '
{total}
', enableHover: false, enableTracking: true, buttons:{layout: 'box_count'}, click: function(api, options){ api.simulateClick(); api.openPopup('facebook'); } }); $('#googleplus').sharrre({ share: { googlePlus: true }, template: '
{total}
', enableHover: false, enableTracking: true, buttons:{size: 'tall'}, urlCurl: 'https://www.italianiatenerife.com/wp-content/plugins/hueman-addons/addons/assets/front/js/sharrre.php', click: function(api, options){ api.simulateClick(); api.openPopup('googlePlus'); } }); // Scrollable sharrre bar, contributed by Erik Frye. Awesome! var $_shareContainer = $(".sharrre-container"), $_header = $('#header'), $_postEntry = $('.entry'), $window = $(window), startSharePosition = $_shareContainer.offset(),//object contentBottom = $_postEntry.offset().top + $_postEntry.outerHeight(), topOfTemplate = $_header.offset().top, topSpacing = _setTopSpacing(); //triggered on scroll shareScroll = function(){ var scrollTop = $window.scrollTop() + topOfTemplate, stopLocation = contentBottom - ($_shareContainer.outerHeight() + topSpacing); $_shareContainer.css({position : 'fixed'}); if( scrollTop > stopLocation ){ $_shareContainer.css( { position:'relative' } ); $_shareContainer.offset( { top: contentBottom - $_shareContainer.outerHeight(), left: startSharePosition.left, } ); } else if (scrollTop >= $_postEntry.offset().top - topSpacing){ $_shareContainer.css( { position:'fixed',top: '100px' } ); $_shareContainer.offset( { //top: scrollTop + topSpacing, left: startSharePosition.left, } ); } else if (scrollTop 1024 ) { topSpacing = distanceFromTop + $('.nav-wrap').outerHeight(); } else { topSpacing = distanceFromTop; } return topSpacing; } //setup event listeners $window.scroll( _.throttle( function() { if ( $window.width() > 719 ) { shareScroll(); } else { $_shareContainer.css({ top:'', left:'', position:'' }) } }, 50 ) ); $window.resize( _.debounce( function() { if ( $window.width() > 719 ) { shareMove(); } else { $_shareContainer.css({ top:'', left:'', position:'' }) } }, 50 ) ); });

Potrebbero interessarti anche...

18 Risposte

  1. pierluigi ha detto:

    purtroppo é la triste veritá. confermo e, seppur non sia un gran estimatore dei canari, come dargli torto?! il brutto é che per colpa delle migliai di italiaoti arrivati a frotte negli ultimi anni, a farne le spese sono gli italiani onesti (pochi ma ci sono), presenti sulle isole giá da diversi anni e ora visti alla stessa stregua della feccia arrivata in questi ultimi anni. fare di tutta l’erba un fascio, purtropp, é una usanza che non trova confini!

  2. Valentina e Antonio ha detto:

    Che peccato che per colpa di Italiani disgraziati debbano rinunciare a questa speranza anche quelli per bene. Farebbeo bene a starsene doce sono visto che sanno fare solo danni. Poi si lamentano degli stranieri in italia…
    Però d’altronde non li biasimo assolutamente quelli del posto, hanno ragione a questo punto. Avevo deciso insieme a mio marito di tentare a venire ma mi sa che devo rinunciare a questa probabilità. Con immenso dispiacere perchè non ne posso più del clima del nord italia. Teneteci informati. Grazie mille dell’informazione, Valentina.

  3. elio ha detto:

    Devo dire che hanno ragione, abbastanza italiani quando vanno all’estero si comportano in maniera incivile gettando fango sul resto degli italiani onesti. Lo dice uno che, nato a napoli, quando si reca all’estero per TURISMO e per un motivo qualsiasi deve esibire la c.i. viene guardato in maniera sospetta; posso dire solo una cosa recatomi in olanda a casa di un amico dopo poche giorni degli olandesi mi dissero che secondo loro NON SEMBRAVO ITALIANO, a parere del mio amico era il complimento più bello che potevo ricevere, invece mi rese triste perché sono italiano anche se le mie origine sono del regno borbonico.

  4. marisa ha detto:

    è da un po di tempo che pure io ho fatto questo pensiero,in Italia non si vive più bene x tanti motivi, uno di questi è che con la pensione non si arriva a fine mese.Per una persona che ha lavorato tanti anni onestamente è molto umiliante, per questo mi piacerebbe trasferirmi a Tenerife, ma lasciare tutto è molto difficile, però cosi vivrei dignitosamente la mia vecchiaia.

  5. Mariangela ha detto:

    Sono una pensionata, sto pensando di trasferirmi a Tenerife, la mia pensione non è malvagia 1600 euro, la voglia di questo trasferimento viene dal fatto che i miei figli faticano qui in Italia e se risparmiassi di più potrei aiutarli finchè non si sistemano. Chi sa dirmi quanto prenderei in più sulla pensione e, è necessario prendere la residenza vero?
    Grazie
    Mariangela

  6. Giovanni ha detto:

    Bhe che dite sono psrtito dall italia nel giro di 48 ore pensando di trovare il “paradiso” .. Sono un tecnico informatico e realizzo sitiweb vivo a santa cruz ma non ho trovato nulla… La vita qui é dura….. MAI DIRE MAI

  7. Ennio ha detto:

    Salve.. sono un pensionato di 67 anni, aiuto saltuariamente la nostra azienda di famiglia ma pronto a lasciare.
    Da tempo sto valutando di poter ottimizzare la mia rendita pensionistica di 1.700,00 € lorde italiane per cui nette 1.450,00, sulla quale gravidiamo economicamente in due persone.
    Per questo chiedo un parere a chi conosce l’attuale situazione di Tenerife, se traslocando la mia residenza in questo stato, si possa migliorare anche se con un successivo sacrificio, il nostro rimanente tempo di vita, questo, dopo aver versato molti soldi a scambio di una pensione con un tenore di vita adeguato. Purtroppo come vediamo, cosa spiacente, con il nostro poco, siamo salvadanaio per i continuati prelievi fiscali, diretti e indiretti dedicati ai continui errori istituzionali perseverati nel tempo da parte di una setta amministrativa che con la frase “BER IL BENE DEGLI ITALIANI” ha perso la bussola o l’ordine della ragione e persevera ancora senza pudore credendoci continuando sperperi e altro allontana quindi dalla speranza di riscattarci da questo periodo di crisi in tempi umani, il tempo a noi rimanente.

  8. giovanniluca ha detto:

    conosco abbastanza bene la realtà canaria e la storia penso sia la stessa che in europa. se sei un tipo a posto che paga e si fa i cavoli suoi rispettando le regole nessuno ti infastidisce. Anzi se produci ti rispettano. Se vai alle canarie con una scarpa e una ciabatta a fare casino e creare solo problemi,come purtroppo fanno in tanti,è ovvio che ti invitano a ritornare a casa tua.

  9. Stefano ha detto:

    Con mia moglie stiamo valutando di trasferirci alle Canarie.
    Ho chiuso un impresa di costruzioni meccaniche in Italia in quanto non ne vale più la pena.
    E da qualche tempo produciamo pasta ripiena per mantenerci.
    Secondo la vostra esperienza, questo tipo di esperienza professionale ci permetterà di trovare un impiego in breve Tempo?

  10. pierluigi ha detto:

    quelli che commentano questo articolo non lo leggono prima, vero??? per favore, leggetelo e vedrete che vi passerá non solo la voglia di fare queste domande ma anche di venire alle canarie….se cercate un posto per ricominciare e vivere degnamente, le canarie non sono il vostro posto….cercate un posto dove c’ é lavoro.

  11. Marcello Landolfo ha detto:

    Sono venuto a Tenerife svariate volte per rendermi conto di che vita si potesse fare, se idonea alle mie esigente di pensionato economicamente tranquillo.
    Il clima e tutto ad esso correlato sono indiscutibilmente la parte vincente.
    Trovare casa non è stata cosa facile, ho sentito l’essere Italiano, ma come ben sapete
    i soldi aprono tutte le porte. La cosa mi ha dato molto fastidio ma ho dovuto accettarla,
    visto che siamo un popolo di furbetti.
    Sono circa due mesi che vivo qui, Comune di Adeje, e dimostrando di essere persona rispettosa mi sento rispettato. Ai connazionali Italiani dico: Tenerife non è l’isola dei vostri sogni, valutate con molta attenzione il grande passo, può essere rischioso.
    Cordialmente
    Marcello Landolfo

  12. Lucia Perrella ha detto:

    caro marcello, io vorrei venire a tenerife per un semplice motivo fiscale… in Italia pago tanto e non ho servizi… va sempre peggio.
    vorrei affittare una casa per un anno… e poi si vede
    lucia
    [email protected]

  13. Santo Parisi ha detto:

    Io e mia moglie siamo docenti statali e non abbiamo nessus problema economico e/o fiscale per lasciare l’Italia; l’unico vero motivo è che il nostro Paese non è più un luogo dove le persone oneste possono vivere serenamente. I figli?…..tra poco anche loro andranno a lavorare “fuori”, quindi non c’è nulla che ci trattiene in Italia. Mi piace molto la vela, per questo motivo vi chiedo se è vero che il mare attorno alle Canarie non è proprio favorevole a questa attività sportiva. Informatemi, grazie
    [email protected]

  14. Emilia ha detto:

    Salve sono Emilia da Palermo io e mio marito stiamo valutando di lasciare l Italia ma non so nulla di tenerife ne parlano tutti bene..se c’è qualche italiano che vive li e può consigliarmi

    • cara emilia, proprio perché ne parlano tutti bene (ma ovviamante chi non ci vive o non c’e’ mai stato) che si é riempita di italiani della peggior specie che hanno rovinato limmagine degli italiani onesti anche qui. leggi questo articolo in particolare e considera che da quando è stato scritto la situazione é ancor piú peggiorata. se arrivi qui senza un lavoro giá certo (non sperare di trovarlo qui) o una fonte di reddito sicura rischi di dormire in strada (dato che difficilmente affittano agli italiani senza garanzie) e la notte non fai poi cosí caldo come dicono.

  15. Emilia ha detto:

    Non vado li x lavoro anche se o 39 anni ma mio marito vuole passare la pensione li tranquillo i miei figli anno 16 11 anni non so come funzionano le scuole so solo che 2000€non bastano in Italia x tutte le tasse

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

siti web